Home » Eccellenze dal mondo » A tutta ʾnduja! Bloomberg incorona il salume calabrese come cibo preferito del 2016
'nduja calabrese
Eccellenze dal mondo

A tutta ʾnduja! Bloomberg incorona il salume calabrese come cibo preferito del 2016

Che la ʾnduja fosse adatta al mercato estero erano in tanti a sostenerlo da tempo.

Un successo internazionale

Il sapore deciso sembrava tagliato su misura per i palati inglesi e americani, abituati a cibi dal carattere forte. E allora, secondo l’agenzia di stampa Bloomberg ‒ da Londra a New York ‒ il 2016 è stato l’anno della ʾnduja calabrese. Un numero crescente di chef stranieri ha iniziato ad apprezzare il salume piccante e a introdurlo nei propri menu. «Cucinare con la ʾnduja è cool» ha dichiarato Jason Atherton, chef premiato due volte con una stella Michelin per i suoi ristoranti “Pollen street social” a Mayfair, nel centro di Londra, e “Social eating house”, a Soho, nel West-End.

Allo chef stellato, si sono aggiunti altri colleghi entusiasti. «Si può abbinare con tutto» ha ammesso Jacob Kenedy, chef del ristorante “Bocca di Lupo”, vicino a Piccadilly Circus. «Dalla burrata ai crostacei, alla pizza. Va bene anche con la pasta, usata come fosse un olio piccante». Proprio Kenedy è uno dei maggiori artefici della grande popolarità che la ʾnduja sta raggiungendo in Inghilterra, dal momento che ogni giorno la propone in diverse varianti. «Il segreto del crescente apprezzamento di questo insaccato sta nel fatto che è piccante e che sa spiccatamente di maiale. Queste sue caratteristiche sono una garanzia di successo» ha concluso lo chef londinese.

Dall’altra parte dell’oceano, anche April Bloomfield, chef del ristorante “The Spotted Pig” di New York, è fan del salume calabrese e lo utilizza, ormai da tempo, per dare ai suoi piatti particolari sapori esotici.

Preservare l’unicità del prodotto

Le prime avvisaglie si erano avute già l’anno scorso, quando nel dicembre 2015, Luigi Caccamo, titolare dell’azienda “L’artigiano della ʾnduja”, venne premiato dalla stampa estera perché, nel rispetto delle tradizioni, era riuscito a dare alla ʾnduja una visibilità internazionale.

ʾnduja vcalabrese in un tagliere con del pane a fianco

A riprova della capacità di penetrazione del prodotto nei mercati stranieri, entro il 2017 è previsto il lancio negli Stati Uniti di un primo piatto di pasta già pronto e condito proprio col tradizionale insaccato calabrese. Di recente è stata prodotta una versione americana del prodotto in questione, realizzata nell’Iowa dall’azienda italo-americana “La Quercia”.

Non resta che sperare che con l’immissione nel mercato globale, la ʾnduja non vada a perdere la qualità delle materie prime e il suo sapore originario. Americanizzare uno dei prodotti principi della cucina povera italiana per renderlo più vendibile su larga scala sarebbe un errore, come svendere le proprie origini, il know-how dei produttori calabresi, l’intera cultura di un popolo.

Lascia un commento

avatar
DAO Content

Post più letti

Newsletter

Tieniti aggiornato sulle ultime news di The Tasty Ways

  • Consulta la privacy policy
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Facebook

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.
Type: OAuthException
Code: 190
Subcode: 460
Please refer to our Error Message Reference.

Twitter

Heinz Beck: 3 ricette a 3 stelle Michelin per un pranzo perfetto https://t.co/hd5j9XOwFZ https://t.co/3wjJhCNLXk

Sushi mania: 4 regole d’oro per gustarlo al meglio e mangiarlo in sicurezza https://t.co/QrJiI7sPdO https://t.co/WmSnupJSSv

Sushi da tre stelle Michelin per soli nove coperti: il primato di Araki https://t.co/4Wv4MDVtWe https://t.co/nw6vR956iq

L’Europa degli street food: ecco gli imperdibili da sud a nord del continente https://t.co/cMzPEqED8L https://t.co/Aq2B5pgzPc

Nuovi locali da non perdere in giro per il mondo https://t.co/jmBQl0JNzN https://t.co/6U1FfwWiRs

Load More...

Post più condivisi