Home » Eccellenze dal mondo » “Villa Gemma” 2000, un vino per le grandi occasioni
Bottiglie di Villa Gemma
Eccellenze dal mondo

“Villa Gemma” 2000, un vino per le grandi occasioni

Villa Gemma e non solo. Sono lontani i tempi in cui i vini abruzzesi guardavano al Piemonte e alla Toscana con un complesso di inferiorità. Certo, il movimento abruzzese ha una storia di qualità relativamente breve, ma i risultati raggiunti negli ultimi anni dai viticoltori locali sono una garanzia per i consumatori e un’ottima base su cui costruire un futuro prospero.

Qui vogliamo occuparci di un vino in particolare. Parliamo di un Montepulciano DOC della Cantina Masciarelli. Villa Gemma è una delle cinque linee di prodotto della cantina abruzzese. La prima annata di produzione risale al 1984, nel comune di San Martino e San Marrucina. I vigneti sono esposti ad est, 14 ettari in totale, e poggiano su suoli di natura argillo-calcarea. La vinificazione avviene in botti di rovere, con macerazione di 20-30 giorni, e invecchiamento di 36 mesi, di cui circa 18-24 in barriques nuove.

Nello specifico, abbiamo assaggiato un “Villa Gemma” del 2000. Con una gradazione di 14,5% e un prezzo di 73 euro, il vino è da intendersi “adatto ad un’occasione speciale”.

Sentore e sapore

Alla vista, il vino si presenta color rosso rubino intenso. Al naso mostra nuances fini e complessi di confettura di ciliegie e di more, aromi di vaniglia, di pellame e di cioccolato amaro. Al palato lascia una sensazione di eleganza ed equilibrio. Si distende mostrando un corpo deciso e importante: fresco e sapido, ben bilanciato dalla grande componente di calore, con tannino rustico. Chiude armonicamente su note speziate.

Abbinamenti

Il vino si sposa egregiamente a primi e secondi piatti a base di carni rosse, selvaggina e salumi della tradizione. Ottimo con le pappardelle col sugo di cinghiale, con un agnello al sugo o con formaggi stagionati, dal sapore decisamente forte.

Villa Gemma
Cantina Masciarelli a San Martino sulla Marrucina, in provincia di Chieti.

La cantina

L’azienda nasce nel 1978 grazie alla passione per la vigna e per il vino di Gianni Masciarelli. Un momento chiave per la crescita della realtà imprenditoriale è da collocarsi alla fine degli anni ’80, quando Gianni incontra Marina. Un legame affettivo e professionale che ha portato ad una crescita esponenziale e alla nascita di una delle linee più rappresentative della Masciarelli: quella di Marina Cvetic (la cui riserva, insieme al Villa Gemma, è adottata anche da Niko Romito, chef tre stelle Michelin del ristorante Reale a Castel di Sangro). In questi anni, dai 2,5 ettari iniziali l’azienda è cresciuta fino agli attuali 320, disseminati in 14 comuni nelle province di Chieti, Teramo, Pescara e L’Aquila.

I numeri però non devono confondere. Tutta la produzione spicca per la qualità media che riesce ad esprimere, con punte di eccellenza rimarchevoli che hanno permesso all’azienda di vincere numerosi premi di settore. Nella filosofia produttiva di Masciarelli grande importanza è sempre stata riconosciuta al territorio e alla sua cultura enologica, motivo per cui fin dai primi anni Gianni Masciarelli ha scommesso sulle potenzialità dei vitigni autoctoni, vale a dire il montepulciano e il trebbiano.

Una produzione importante, insomma, orgoglio di una terra aspra e dal grande valore paesaggistico.

Lascia un commento

avatar
Nieddittas

Post più letti

Newsletter

Tieniti aggiornato sulle ultime news di The Tasty Ways

  • Consulta la privacy policy
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Facebook

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating access token: Session has expired on Sunday, 12-Aug-18 08:16:58 PDT. The current time is Thursday, 25-Apr-19 13:31:44 PDT.
Type: OAuthException
Code: 190
Subcode: 463
Please refer to our Error Message Reference.

Twitter

Dove mangiare in Liguria: gli indirizzi da non mancare da ponente a levante https://t.co/q7gpu6IHMm https://t.co/lOiou24qlD

Nella scia della Caravella: il boom della Ristorazione Amalfitana https://t.co/0pvKOKxXDG https://t.co/v24chL03QN

Pesce ma dolce, ecco la cucina di lago da non perdere https://t.co/ExoEXNnRjS https://t.co/lWVz7SFZHn

Dove mangiare a Milano, 5 indirizzi da non perdere https://t.co/OfHXSt17nZ https://t.co/63ed8gcVhQ

Lava in mare: le novità della #ristorazionesiciliana https://t.co/FTxRjj6yqu https://t.co/pJO4vBPfNQ

Load More...

Post più condivisi